Home Forum Circolazione stradale Circolazione in Italia di veicolo immatricolato all’estero

Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Post
  • #825
    armando
    Partecipante

    Buongiorno, vorrei sottoporvi il seguente quesito.

    Una settimana fa, in occasione del weekend, mi sono recato in Svizzera per far visita ad un caro amico che ivi risiede.

    Purtroppo la domenica pomeriggio, nel momento in cui mi accingevo a far ritorno in Italia, la mia automobile non si accendeva più. Posto che non potevo ritardare il mio rientro in Italia per improrogabili impegni lavorativi del giorno seguente, il mio amico si offriva di prestarmi la sua automobile.

    Sennonché, dopo aver varcato il confine ed essere quasi giunto presso la mia abitazione sita in Milano, venivo fermato dai Carabinieri che mi contestavano la violazione dell’art. 93, comma 1-bis, del Codice della Strada, ai sensi del quale è vietato, per chi risiede in Italia, circolare con un veicolo immatricolato all’estero.

    I Carabinieri provvedevano, quindi, al ritiro della carta di circolazione, ordinavano l’immediata cessazione della circolazione del veicolo ed il suo trasporto e deposito in luogo non soggetto a pubblico passaggio.

    Mi veniva, altresì, erogata una sanzione amministrativa pecuniaria; non avendo, tuttavia, con me disponibilità di denaro sufficiente per poter far fronte all’immediato pagamento della sanzione, veniva, altresì, applicato il fermo del veicolo fino al pagamento della medesima sanzione.

    Al momento, quindi, l’automobile del mio amico si trova presso il box privato della mia abitazione ed è sottoposta sia a sequestro che fermo amministrativo e la carta di circolazione è stata, come sopra indicato, ritirata.

    Ciò posto, chiedo ora un Vostro parere legale al fine di poter risolvere la gravosa questione in cui sono incorso e poter restituire, nel più breve tempo possibile, l’automobile al mio amico svizzero.

    #827
    Avv. Andrea Pogliani
    Amministratore del forum

    Buongiorno,

    a seguito delle modifiche al Codice della Strada introdotte, a decorrere dal 4.12.2018, dal D.L. 113/2018 convertito in L. 132/2018 (c.d. Decreto Sicurezza), sussiste un generale divieto di circolare con un veicolo immatricolato all’estero nei confronti di chi ha stabilito la residenza in Italia da oltre 60 giorni.

    Considerato che l’automobile risulta, allo stato, sottoposta a fermo amministrativo, Le consigliamo di provvedere immediatamente al pagamento della sanzione amministrativa erogata e di inviare ai Carabinieri competenti la ricevuta dell’avvenuto pagamento.

    Con riferimento, invece, alla misura del sequestro amministrativo cui è stata, altresì, sottoposta l’automobile, Le rappresentiamo che è prevista una procedura per il rimpatrio in Svizzera del veicolo.

    In particolare, occorre richiedere presso i competenti Uffici della Motorizzazione, il rilascio di un foglio di via unitamente alla targa provvisoria per poter rimpatriare l’autovettura; contestualmente, dovranno essere da Lei consegnate le targhe originarie dell’automobile.

    Le segnaliamo, infine, che il rimpatrio in Svizzera dell’automobile –previo ottenimento del foglio di via e della targa provvisoria- dovrà avvenire entro il termine di 180 giorni dalla violazione poiché, in difetto, l’automobile verrà confiscata.

    Una volta eseguito il rimpatrio dell’automobile, verranno, infine, restituite le targhe originarie e la carta di circolazione.

Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.